Champions: obiettivo puntato su Stella Rossa – Napoli

L’esame Champions comincia! Stasera sotto i riflettori del Marakana di Belgrado ha inizio il cammino del Napoli in un girone che, almeno sulla carta, si preannuncia molto combattuto e colmo di insidie. La prima di quest’ultime è la Stella Rossa guidata dal tecnico Milojevic. L’undici di Ancelotti proverà a tingere nuovamente la serata di azzurro dopo aver offerto ottimi spunti di crescita contro la Fiorentina, sia sul piano organizzativo che morale. Ma il bigliettino da visita degli avversari è di tutto rispetto. Numeri alla mano, il Napoli non ha mai incontrato i serbi fino ad oggi; ci sono trascorsi passati poco importanti nelle competizioni europee con altre squadre serbe ma c’è da sottolineare il fatto che lontano dal San Paolo gli azzurri hanno un rendimento piuttosto negativo in Champions, con appena tre vittorie nelle ultime dieci partite. Dall’altra parte, invece, lo status quo della Stella Rossa equivale ad una vera “roccaforte” tra la mura del Rajko Mitić: sette vittorie consecutive in campionato, che conduce in solitudine, mentre nelle competizioni europee non perde in casa da ben sei turni, con un’unica sconfitta nelle ultime tredici gare. Gli ingredienti per una gara a dir poco dura ci sono tutti.

Schemi, contro-schemi e sistemi complessi a Belgrado: Ancelotti sta imparando, il gruppo sta imparando, i singoli stanno imparando…a conoscersi meglio! Dalla sfida contro la Fiorentina è emersa la convinzione che l’intesa tra le spinte organizzative ed emotive di Mr. Carlo e la risposta della squadra stia progredendo sempre più. Testa alta per tutti i novanta minuti, testa “organizzata” e reparti che finalmente collaborano in modo ordinato. Non sempre si riesce ad avere “profondità”, ma è un peccato veniale, perdonabile, verrà col tempo. La differenza la fanno sempre i giocatori, ma sotto la direzione del tecnico di Reggiolo ci si è resi conto che la scelta dello schema è direttamente proporzionale al massimo rendimento di questo o quel singolo. L’esempio che spiega tutto ciò potrebbe essere il neo-ruolo di Insigne che spiazza gli avversari viaggiando da un lato all’altro e che, alla prima occasione, decide anche la gara. Per intendersi, contro la Stella Rossa si potrebbe partire ancora dal 4-4-2, che in qualche modo esalta sia Lorenzinho che Milik, con Callejon onnipresente e la coppia Allan-Zielinski quasi insostituibile nel mettere una consistente impalcatura tattica che filtra davanti alla difesa, una mediana a due altalenata da sovrapposizioni di posizione all’occorrenza, dove potrebbero tornare utili giocatori come Rog. Non dimentichiamo, però, il 4-2-3-1, già sperimentato da Ancelotti, attraverso il quale le opzioni aumentano sensibilmente: spazio ideale per cursori come Diawara e Rog e grande lavoro sugli esterni con Mertens, Verdi oppure Ounas. Altro contro-schema alla grande verve agonistica dei serbi nella costruzione a centrocampo e nelle verticalizzazioni potrebbe essere un 4-3-3 robusto, con centralizzazione tattica su Hamsik, Allan e Zielinski in appoggio e trequartisti veloci a tutto campo con Fabian Ruiz e Verdi a far la parte da leoni. Utili, all’occasione, i giochi di sponda sulla trequarti per disorientare la difesa avversaria, considerata tra le più forti in circolazione.

lineupna

L’undici di Milojevic partirà forte con un probabile 4-2-3-1, utile a sfruttare le doti di velocità e profondità dei singoli di centrocampo, cercando di pungere con una singola punta coadiuvata da esterni col “vizio” del gol. In poche parole, la vecchia conoscenza del calcio italiano Boakye, sarà affiancato da Jonathan, Ebecilio e Marin (ex Fiorentina), che in campionato hanno già mostrato la propria intesa efficace che si ripercuote, in copertura arretrata, sul buon lavoro della mediana a due Krstcic – Causic, filtri insostituibili davanti alla difesa.

lineupsr

La Champions ha un’altra aria rispetto al campionato, altre sfumature tecniche che prevalgono laddove aleggia esperienza e grinta; ma soprattutto ha “colori” diversi, tra i quali domani sera tanti tifosi sperano che emerga un intenso e vincente “azzurro”.

In ogni caso…

Avanti Azzurri, Avanti…

Marco Melissa

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.