INFERNO, PARADISO E TANTA SFORTUNA

Il Napoli conferma gli attributi mostrati alla prima di campionato ma conferma anche come il centrocampo a due non funzioni.

La Juventus finisce la prima frazione di gioco con un due a zero che, francamente, sta stretto ai padroni di casa.

Poi, nell’intervallo, Ancelotti intuisce che Insigne è in serata “faccio tutto io e non la passo” e lo lascia in panchina.

Al suo posto “El Chucky” Lozano.

Idem accade per Goulham, sostituito da Rui.

Nella ripresa il Napoli entra in campo convinto di poter recuperare il risultato e ci riesce con un incredibile uno-due nel giro di pochi minuti ad opera di Manolas e Lozano.

Poi De Ligt ci regala il 3 a 3, pressato dall’ottimo Di Lorenzo.

Poi c’è stata, all’ultimo minuto di recupero, la sfortunata deviazione in rete di Koulibaly, provocata anche dalla mancata “chiamata” di Meret su uno spiovente da quaranta metri nel quale nessuno degli avversari si era avventato.

La squadra c’è.

Deve registrare certi movimenti ed aspettare il ritorno del suo vero centravanti che risponde al nome di Arkadiusz Milik.

Niente drammi. E’ soltanto la seconda partita di campionato.

La cattiveria agonistica c’è. Qualcosa va registrato. Tutto qua.

Giulio Ceraldi

#ForzaNapoliSempre

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.