IL NAPOLI AFFONDA A SAN SIRO

I quarti di finale di Coppa Italia a San Siro col Milan ci consegnano il peggior Napoli della gestione Ancelotti.

Il Napoli ed il suo allenatore, col Milan, non ne azzeccano una.

La squadra è apparsa molle, deconcentrata e soprattutto poco vogliosa di fare, di vincere.

Difficile salvare qualcuno in questa serataccia. Il problema non è nell’aver ciccato una partita ed essersi giocati la Coppa. No. Il problema è che, dopo aver portato (giustamente) gli azzurri alle stelle, dopo la partita con la Lazio, assistiamo ad una mini (si spera) involuzione, sia in campionato che in coppa. Troppi protagonisti in ombra. Allan è in ombra da diverse settimane. Ultimamente, poi, le voci di mercato hanno fatto evidentemente il resto (e i risultati si vedono tutti).

Insigne non c’è. È inutile far finta di nulla. Al di là degli stop, i giochini col pallone e poco altro Lorenzo è il vero uomo in meno di questa squadra. Meglio preservarlo da ulteriori figuracce e fargli recuperare la forma migliore.

Ghoulam forse deve continuare la fase di recupero in match meno impegnativi. Questo Faouzi non può giocare incontri simili.

È un pò tutta la squadra che affonda. Merito anche di un Milan e del suo tecnico che, cosciente dei propri limiti, difende ordinatamente e riparte in contropiede. In due di queste ripartenze Piatek punisce i partenopei con due autentiche perle.

Poi c’è lui. Ancelotti. Così come in campionato Carletto riprova a sperimentare. Ma stasera eccelle (o esagera, fate voi…). Inizia col 4-4-2 e finisce col…4-2-4. Come il Brasile degli anni ruggenti. Ecco, il Brasile, però…

Soprattutto nella ripresa il Napoli diventa una (perdonatemi, ragazzi, ma lo devo dire) accozzaglia di giocatori in campo che sembrano essersi trovati lì per caso. Tanto possesso palla ma poca lucidità nell’ultima giocata. Nessuno tira (se non Ounas intorno al 75′). Nonostante il Milan non ne abbia più gli azzurri continuano a giochicchiare il pallone come se si vincesse 4 a 0.

Insomma, un pianto.

Sono sicuro che Ancelotti rivedrà la partita e troverà le giuste correzioni da apportare ai suoi schemi. La squadra ha bisogno di recuperare quella grinta che è mancata in queste trasferte milanesi.

Per il resto facciamo quadrato intorno a questi ragazzi.

“Trasformiamo questo dispiacere in energia positiva”. Parola di Ancelotti.

Ad maiora.

Giulio Ceraldi

#ForzaNapoliSempre

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.