FORZA MAURIZIO!

Maurizio Sarri non si smentisce mai. Due dei loro uomini (Gonzalo Higuaìn e David Luiz ndr) litigano nella partitella pre-finale e lui si scazza e butta il cappellino per aria (vedi foto).

E giù fiumi di parole. L’ennesima conferma di un rapporto col club al capolinea, la Juventus è ormai dietro l’angolo e via discorrendo.

Ciò che conta, adesso, l’unica vera cosa che conta è la finale di stasera nel lontanissimo Azerbaijan, a Baku.

Lì, al calcio d’inizio, saranno le 23,00. Da noi le 21,00.

Il Chelsea, nonostante la defezione di Loftus-Cheek infortunatosi nell’amichevole americana coi New England Revolution, parte, a mio avviso, alla pari rispetto ai Gunners dell’Arsenal. Il reparto avanzato dei Blues è probabilmente meno impattante del corrispettivo biancorosso ma è preferibile nella “interconnessione” col centrocampo in fase offensiva. Inoltre la tecnica e l’inventiva dei singoli può far pendere l’ago della bilancia dalla parte dell’undici sarriano.

Il duo d’attacco Lacazette- Aubameyang può fare stracelli. Servirà grossa concentrazione nel ridurre al minimo i rifornimenti dalla mediana, cercando di isolare i suddetti l’uno dall’altro. “Spezzare il dialogo” deve essere il mantra degli uomini di Sarri, unito al classico dominio del possesso palla unito al moto perpetuo dei “non possessori”.

Edin Hazard può essere l’uomo della provvidenza. Colui che potrebbe riportare gli animi di tutti (dirigenza, tifosi, stampa ndr) sulla giusta frequenza per captare le onde di una stagione fondamentalmente fantastica. Nessuno avrebbe scommesso un penny sul primo anno di Sarri.

Terzo in una Premier che produce le altre tre finaliste delle coppe europee. Oltre alla vincitrice della “tripletta interna” (Premier League, Coppa di Lega ed FA Cup).

E il tutto con un Sarri arrivato ai Blues poche settimane prima dell’inizio ufficiale della stagione e, fondamentalmente, senza una campagna acquisti (anche se stiamo parlando del Chelsea, già fortissima così com’è ndr). L’arrivo di Higuaìn, a gennaio, al di là di alcuni sprazzi, non ha influito più di tanto.

Vincere stasera significherebbe rispondere, ancora una volta, coi fatti a chi, nonostante tutto, continua a storcere il naso di fronte ad un uomo che ha fatto della sua franchezza, del suo essere agli antipodi dell’ipocrisia la sua ragione di vita.

E allora, si sbizzarrisca pure chi vede i cappellini volare. Io ci vedo semplicemente un uomo che non le manda a dire. Mai.

Giulio Ceraldi

#ForzaNapoliSempre

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.