​IL PUNTO SUL MERCATO (1)

di Sergio D’Angelo 

A pochi giorni dall’apertura ufficiale del calciomercato estivo è ripartito inesorabile un vecchio “refrain” ormai noto ai tifosi napoletani. 

Vorrei ma non posso. 

I nomi accostati alla maglia azzurra si susseguono in modo così frenetico che non fai in tempo nemmeno a p che già sono scomparsi nei meandri di questa pazza, pazza campagna trasferimenti. 

Ounas, Berenguer, Leno, Neto, Meret, Widmer, Szczesny, Mario Rui, Semedo, Guerreiro… 

Per ora solo tante chiacchiere. Troppe, direi. Anche perché così si scatenano solo delle aste al rialzo. 

Non capisco tutto questo marasma. Considerando, tra l’altro, che non stiamo nemmeno parlando di calciatori di spicco, nel panorama mondiale. Ragion per cui, se si è convinti delle loro qualità, si và, si paga il giusto (parliamo di cifre modeste) e si prende il giocatore. 

Senza fare tante moine. 

Purtroppo il rinnovo dei famosi big è costato al Napoli circa 100 mln di euro, per cui chi si aspetta acquisti “ad effetto” resterà deluso. Questi sono i nomi che circolano in casa Napoli,  per cui, al massimo, arriveranno un paio di giovani di belle speranze, giusto per confermare la politica adottata finora da Aurelio De Laurentiis. 

Il budget a disposizione di Giuntoli, come dichiarato più volte, (20 mln di euro) è una vera e propria miseria, considerando le cifre che circolano in giro. 

Da qui è facile intuire quale mercato ci aspetta. L’unica cosa che non riesco a capire è come si può pensare di poter competere per lo scudetto o, ancora peggio, per la Champions League senza un paio di acquisti “decenti”, i famosi top  player  tanto  decantati? 

Il Napoli ha un tesoretto (escluso i diritti Champions di 50 mln) di 70/80 mln di euro, costituito da almeno una decina di calciatori in esubero, qualcuno rientrato dai prestiti, altri che non rientrano nei piani di Sarri. Tra questi: Zapata, Tonelli, Pavoletti, Giaccherini, Rafael, Zuñiga, De Guzman, Grassi e Maggio. 

Ora, senza fare troppo lo scienziato della situazione: il caro Giuntoli, che di mestiere si occupa di queste cose, dovrebbe essere bravo a piazzarli al più presto per poi reinvestire su 3 o 4 acquisti mirati e di un certo spessore. 

Di giovani ne abbiamo abbastanza e sono pure bravi, ma a questo Napoli servirebbero un paio di giocatori con tanta  esperienza e qualità. Uomini che possano consentire il definitivo salto tra le big europee.

Tutto qua. 

Forse è chiedere troppo? 

Bah…meno male che alla fine ci pensa il nostro unico, inimitabile, insostituibile “guru” Sarri, l’unica vera garanzia di questo Napoli spettacolare. E sono certo che anche l’anno prossimo, al di là  dei “titoli”, ci divertiremo ancora di più. 

Sergio D’Angelo

#ForzaNapoliSempre

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.